La 16ª edizione della Festa Del Cinema Di Roma: la ripartenza dell'industria cinematografica

La 16ª edizione della Festa del Cinema di Roma che si è tenuta dal 14 al 24 ottobre ha catalizzato l’attenzione del pubblico tra proiezioni imperdibili e red carpet scintillanti. Ripercorriamone insieme i momenti più iconici.

Il film d’apertura del festival è stato The Eyes of Tammy Faye, diretto da Michael Showalter e nel cui cast spicca l’incredibile Jessica Chastain protagonista non solo della pellicola, ma anche della primissima giornata. 

La Selezione Ufficiale della manifestazione ha proposto nell’arco di tutta l’edizione, una vasta gamma di film interessanti, ben 66 in rappresentanza di 23 paesi. Tra questi i titoli più chiacchierati sono stati il nostrano L’Arminuta, di Giuseppe Bonito, tratto dall’omonimo romanzo vincitore del Premio Campiello, il musicale Cyrano, diretto da Joe Wright, il drammatico Passing di Rebecca Hall e infine il vincitore del premio del pubblico FS: lo spagnolo Mediterráneo diretto da Marcel Berrena. 

ROME, ITALY - OCTOBER 16: Haley Bennett and director Joe Wright attend the red carpet of the movie

Gallery

Hanno riscosso inoltre un’impressionante attenzione mediatica tre eventi in particolare: la consegna dei premi alla carriera ai registi Quentin Tarantino e Tim Burton, la proiezione dei primi minuti di uno dei film più attesi dell’anno, ovvero il Diabolik dei Manetti Bros e, in occasione dell’ultima giornata, la presentazione della pellicola gli Eterni, che ha portato nella capitale un cast eccezionale composto da Angelina Jolie, Richard Madden, Gemma Chan e Kit Harrington.

Momento estremamente toccante è stata inoltre la presentazione in pre apertura  di Io sono Babbo Natale, ultima interpretazione cinematografica dello scomparso maestro Gigi Proietti.

Dopo le restrizioni della scorsa edizione, questa si è svolta in presenza del pubblico con l’occupazione delle sale all’89% dei posti disponibili, segnando tangibilmente la ripartenza definitiva sia dell’industria che delle sale cinematografiche, duramente colpite dalla pandemia, ma tornate finalmente protagoniste indiscusse delle più importanti manifestazioni dell’industria cinematografica.

 

Articolo di Francesca Di Pasquo, 28 ottobre 2021