DAVID DI DONATELLO VINCITORI E VINTI

Presenta per la sesta volta Carlo Conti l’attesa cerimonia dei David di Donatello 2021, tenutasi lo scorso 11 maggio, che seppur in due location differenti, gli studi televisivi “Fabrizio Frizzi” e il Teatro dell’Opera di Roma, si è svolta alla presenza dei candidati delle categorie.

Su 25 statuette consegnate ben sette sono state vinte dalla pellicola di Giorgio Diritti “Volevo nascondermi“. Il film dedicato e ispirato al pittore Antonio Ligabue era stato candidato a 15 David, e comunque è riuscito ad accaparrarsi quelli che decisamente sono ritenuti i più commemorativi: miglior film e miglior regia.
Un ulteriore riconoscimento è simboleggiato dalla statuetta di miglior attore protagonista, consegnata ad Elio Germano che, non si è soltanto limitato ad interpretare il pittore, ma vi si è immedesimato, impersonificandolo con una credibilità che non poteva di certo passare inosservata. L’attore si è tramutato lui stesso in Antonio Ligabue, ha fatto suo il genio, il tormento interiore e la sofferenza caratteristici del personaggio.

<>; sono le parole della giovane Matilda De Angelis classe ’95 e vincitrice del David miglior attrice non protagonista grazie all’avventura dell’ingegnere Giorgio Rosa narrata ne “L’incredibile storia dell’Isola delle Rose“.
La giovane attrice può decisamente essere considerata la rivelazione del cinema italiano di questi ultimi anni.

L’esordio al fianco di Stefano Accorsi, nella Pellicola del 2016 “Veloce come il vento”, poi la televisione italiana grazie alla fiction “Tutto può succedere” e al film “I ragazzi dello Zecchino d’Oro”, i videoclip de i Negramaro e i Thegiornalisti, il Festival di Sanremo, “The Undoing – Le verità non dette” al fianco di Nicole Kidman e Hugh Grant, Leonardo e poi l’attesa statuetta, che le fa mancare il respiro e commossa ringraziare amici e parenti, chi l’ha accompagnata e ancora lo sta facendo in questo viaggio fortunato e infine la sua amata Bologna.

I momenti della consegna delle statuette per miglior attrice protagonista e miglior sceneggiatura originale rappresentano sicuramente i due momenti più emozionanti della cerimonia di questa edizione.
Primo David nel 1960 grazie alla sua interpretazione in “La ciociara” sotto la regia del grandissimo Vittorio De Sica e la sera dell’11 maggio la sua settima statuetta, grazie all’immenso lavoro realizzato nell’ultimo film di suo figlio Edoardo Ponti.

Una Sophia Loren commossa confessa di non riuscire a vivere senza l’amato cinema che l’ha accompagnata per tutta la vita, mentre la figlia di Mattia Torre ritira il premio che, grazie alla sceneggiatura di “Figli“, ha vinto postumo suo padre; quel: <> quasi sussurrato dalla piccola Emma è il simbolo del suo orgoglio nei conforti del suo papà scomparso nel 2019.

Un solo David per “Favolacce” dei fratelli D’Innocenzo (miglior montatrice) e “Hammamet” di Gianni Amelia (miglior trucco), niente né per il Bettino Craxi di Pierfrancesco Favino, né per la candidata canzone originale di Laura Pausini, “Io sì” (Seen), che dopo la sconfitta alla scorsa cerimonia degli Oscar era in attesa di riscatto.

Non c’è scampo neppure per le piccole produzioni infatti è Rai Cinema che ha coprodotto tutti e cinque i film candidati alla statuetta più ambita di tutte.

 

Di Elisa Campodonico, 26/05/21

MIGLIOR FILM:

Volevo nascondermi – prodotto da Carlo DEGLI ESPOSTI, Nicola SERRA, con RAI CINEMA per la regia di Giorgio DIRITTI

 

MIGLIOR REGIA:

Giorgio DIRITTI per il film Volevo nascondermi

 

MIGLIORE REGISTA ESORDIENTE:

Pietro CASTELLITTO per il film I predatori

 

MIGLIORE SCENEGGIATURA ORIGINALE:

Mattia TORRE per il film Figli

 

MIGLIORE SCENEGGIATURA NON ORIGINALE:

Marco PETTENELLO, Gianni DI GREGORIO per il film Lontano lontano

 

MIGLIOR PRODUTTORE:

Marta DONZELLI e Gregorio PAONESSA per VIVO FILM con RAI CINEMA, Joseph ROUSCHOP e Valérie BOURNONVILLE per TARANTULA BELGIQUE per il film Miss Marx

 

MIGLIORE ATTRICE PROTAGONISTA:

Sophia LOREN per il film La vita davanti a sé

 

MIGLIOR ATTORE PROTAGONISTA:

Elio GERMANO per il film Volevo nascondermi

 

MIGLIORE ATTRICE NON PROTAGONISTA:

Matilda DE ANGELIS per il film L’incredibile storia dell’Isola delle Rose

 

MIGLIOR ATTORE NON PROTAGONISTA:

Fabrizio BENTIVOGLIO per il film L’incredibile storia dell’Isola delle Rose

 

MIGLIOR AUTORE DELLA FOTOGRAFIA:

Matteo COCCO per il film Volevo nascondermiTARGHE DAVID 2021

 

MIGLIORE COMPOSITORE:

GATTO CILIEGIA CONTRO IL GRANDE FREDDO, DOWNTOWN BOYS per il film Miss Marx

 

MIGLIOR CANZONE ORIGINALE:

“IMMIGRATO” musica e testi di Luca MEDICI, Antonio IAMMARINO, interpretata da Luca MEDICI per il film Tolo Tolo

 

MIGLIORE SCENOGRAFIA:

Ludovica FERRARIO, Alessandra MURA – Paola ZAMAGNI per il film Volevo nascondermi

 

MIGLIORE COSTUMISTA:

Massimo CANTINI PARRINI per il film Miss Marx

 

MIGLIOR TRUCCATORE:

Luigi CIMINELLI – Andrea LEANZA, Federica CASTELLI (prostetico o special make-up) per il film Hammamet

 

MIGLIOR ACCONCIATORE:

Aldo SIGNORETTI per il film Volevo nascondermi

 

MIGLIORE MONTATORE:

Esmeralda CALABRIA per il film Favolacce

 

MIGLIOR SUONO:

Presa diretta: Carlo MISSIDENTI, Microfonista: Filippo TOSO, Montaggio: Luca LEPROTTI, Creazione suoni: Marco BISCARINI, Mix: Francesco TUMMINELLO, Per il film Volevo nascondermi

 

MIGLIORI EFFETTI VISIVI:

Stefano LEONI, Elisabetta ROCCA per il film L’incredibile storia dell’Isola delle Rose

 

PREMIO CECILIA MANGINI MIGLIOR DOCUMENTARIO:

Mi chiamo Francesco Totti di Alex INFASCELLI

 

MIGLIOR FILM STRANIERO:

1917 di Sam Mendes (01 Distribution)

 

MIGLIOR CORTOMETRAGGIO:

Anne di Domenico CROCE e Stefano MALCHIODI

 

DAVID GIOVANI:

18 regali di Francesco AMATO

 

DAVID ALLA CARRIERA:

Sandra MILO

 

DAVID SPECIALE:

Monica BELLUCCI, Diego ABATANTUONO

 

DAVID DELLO SPETTATORE:

Tolo Tolo di Luca MEDICI

Riconoscimento d’Onore ai professionisti sanitari Silvia Angeletti, Ivanna Legkar e Stefano Marongiu per l’importante contributo alla ripresa in sicurezza delle attività delle produzioni cinematografiche e audiovisive a Roma e in Italia durante la crisi Covid-19.