AWARDS SEASON: TUTTI I VINCITORI E I VINTI

Quali sono stati i prodotti più premiati dell’anno?

L’Awards Season è ufficialmente conclusa. I premi più prestigiosi dell’anno sono stati tutti ufficialmente consegnati e con i primi veri e significativi segnali di ripresa dalla pandemia, ci auguriamo che il prossimo anno si possa tornare a respirare un’aria di normalità anche in questo ambito. I premi più illustri di cui vengono insignite le opere più meritevoli nel ramo della cinematografia e della serialità televisiva sono principalmente tre: i Golden Globes, gli Emmy Awards e gli Oscar.

In generale i vincitori più premiati dell’anno sono essenzialmente due: il primo è la pellicola Nomadland della regista Chloé Zhao per quanto riguarda i film, mentre il secondo è Schitt’s Creek, per ciò che concerne le serie televisive. Nomadland è stato recentemente distribuito non solo online, ma anche nelle sale cinematografiche nostrane, dove vi consigliamo caldamente la visione, mentre Schitt’s Creek, prodotto della CBS, purtroppo nessun canale o piattaforma ha comprato i diritti di diffusione nel nostro paese, anche se all’estero sono un paio di anni che la serie riscuote un successo non indifferente.

Il premio più discusso è stato sicuramente l’assegnazione dell’Oscar al miglior attore protagonista ad Antony Hopkins per il film “The Father”, in cui una gran parte del pubblico è insorta online per la mancata vittoria del recentemente scomparso Chadwick Boseman per la sua interpretazione in “Ma Rainey’s Black Bottom” candidato nella medesima categoria del primo. Oltre a ciò tuttavia, questa stagione delle premiazioni non ha riservato particolari scandali o sorprese ed anzi, si è rivelata probabilmente la più tranquilla degli ultimi anni. Per un quadro generale maggiormente completo, vi lasciamo alla lista completa di tutti i vincitori e le nominations di ciascuna cerimonia.

 

Di Francesca Di Pasquo, 01/06/2021

 

Premi per il cinema dei Golden Globes (i vincitori sono i primi di ogni elenco):

Miglior film drammatico

  • Nomadland, regia di Chloé Zhao
  • The Father – Nulla è come sembra (The Father), regia di Florian Zeller
  • Mank, regia di David Fincher
  • Una donna promettente (Promising Young Woman), regia di Emerald Fennell
  • Il processo ai Chicago 7 (The Trial of the Chicago 7), regia di Aaron Sorkin

Miglior film commedia o musicale

  • Borat – Seguito di film cinema (Borat Subsequent Moviefilm: Delivery of Prodigious Bribe to American Regime for Make Benefit Once Glorious Nation of Kazakhstan), regia di Jason Woliner
  • Hamilton, regia di Thomas Kail
  • Music, regia di Sia
  • Palm Springs – Vivi come se non ci fosse un domani (Palm Springs), regia di Max Barbakow
  • The Prom, regia di Ryan Murphy

Miglior regista

  • Chloé Zhao – Nomadland
  • Emerald Fennell – Una donna promettente (Promising Young Woman)
  • David Fincher – Mank
  • Regina King – Quella notte a Miami… (One night in Miami…)
  • Aaron Sorkin – Il processo ai Chicago 7 (The Trial of the Chicago 7)

Migliore attore in un film drammatico

  • Chadwick Boseman – Ma Rainey’s Black Bottom
  • Riz Ahmed – Sound of Metal
  • Anthony Hopkins – The Father – Nulla è come sembra (The Father)
  • Gary Oldman – Mank
  • Tahar Rahim – The Mauritanian

Migliore attrice in un film drammatico

  • Andra Day – The United States vs. Billie Holiday
  • Viola Davis – Ma Rainey’s Black Bottom
  • Vanessa Kirby – Pieces of a Woman
  • Frances McDormand – Nomadland
  • Carey Mulligan – Una donna promettente (Promising Young Woman)

Migliore attore in un film commedia o musicale

  • Sacha Baron Cohen – Borat – Seguito di film cinema (Borat Subsequent Moviefilm: Delivery of Prodigious Bribe to American Regime for Make Benefit Once Glorious Nation of Kazakhstan)
  • James Corden – The Prom
  • Lin-Manuel Miranda – Hamilton
  • Dev Patel – La vita straordinaria di David Copperfield (The Personal History of David Copperfield)
  • Andy Samberg – Palm Springs – Vivi come se non ci fosse un domani (Palm Springs)

Migliore attrice in un film commedia o musicale

  • Rosamund Pike – I Care a Lot
  • Maria Bakalova – Borat – Seguito di film cinema (Borat Subsequent Moviefilm: Delivery of Prodigious Bribe to American Regime for Make Benefit Once Glorious Nation of Kazakhstan)
  • Kate Hudson – Musi
  • Michelle Pfeiffer – Fuga a Parigi (French Exit)
  • Anya Taylor-Joy – Emma.

Migliore attore non protagonista

  • Daniel Kaluuya – Judas and the Black Messiah
  • Sacha Baron Cohen – Il processo ai Chicago 7 (The Trial of the Chicago 7)
  • Jared Leto – Fino all’ultimo indizio (The Little Things)
  • Bill Murray – On the Rocks
  • Leslie Odom Jr. – Quella notte a Miami… (One night in Miami…)

Migliore attrice non protagonista

  • Jodie Foster – The Mauritanian
  • Glenn Close – Elegia americana (Hillbilly Elegy)
  • Olivia Colman – The Father – Nulla è come sembra (The Father)
  • Amanda Seyfried – Mank
  • Helena Zengel – Notizie dal mondo (News of the World)

Miglior film in lingua straniera

  • Minari, regia di Lee Isaac Chung (Stati Uniti d’America)
  • Un altro giro (Druk), regia di Thomas Vinterberg (Danimarca)
  • La llorona, regia di Jayro Bustamante (Guatemala)
  • La vita davanti a sé, regia di Edoardo Ponti (Italia)
  • Due (Deux), regia di Filippo Meneghetti (Francia)

Miglior film d’animazione

  • Soul, regia di Pete Docter e Kemp Powers
  • I Croods 2 – Una nuova era (The Croods: A New Age), regia di Joel Crawford
  • Onward – Oltre la magia (Onward), regia di Dan Scanlon
  • Over the Moon – Il fantastico mondo di Lunaria (Over the Moon), regia di Glen Keane
  • Wolfwalkers – Il popolo dei lupi (Wolfwalkers), regia di Tomm Moore e Ross Stewart

Migliore sceneggiatura

  • Aaron Sorkin – Il processo ai Chicago 7 (The Trial of the Chicago 7)
  • Emerald Fennell – Una donna promettente (Promising Young Woman)
  • Jack Fincher – Mank
  • Florian Zeller e Christopher Hampton – The Father – Nulla è come sembra (The Father)
  • Chloé Zhao – Nomadland

Migliore colonna sonora originale

  • Trent Reznor, Atticus Ross e Jon Batiste – Soul
  • Trent Reznor e Atticus Ross – Mank
  • James Newton Howard – Notizie dal mondo (News of the World)
  • Alexandre Desplat – The Midnight Sky
  • Ludwig Göransson – Tenet

Migliore canzone originale

  • Io sì (Seen) (Diane Warren, Laura Pausini e Niccolò Agliardi) – La vita davanti a sé
  • Fight for You (H.E.R., D’Mile e Tiara Thomas) – Judas and the Black Messiah
  • Hear My Voice (Daniel Pemberton e Celeste) – Il processo ai Chicago 7 (The Trial of the Chicago 7)
  • Speak Now (Leslie Odom Jr. e Sam Ashworth) – Quella notte a Miami… (One night in Miami…)
  • Tigress & Tweed (Andra Day e Raphael Saadiq) – The United States vs. Billie Holiday

Vincitori e candidati degli Academy Awards (i vincitori sono i primi degli elenchi):

Miglior film

  • Nomadland, regia di Chloé Zhao
  • The Father – Nulla è come sembra (The Father), regia di Florian Zeller
  • Una donna promettente (Promising Young Woman), regia di Emerald Fennell
  • Judas and the Black Messiah, regia di Shaka King
  • Mank, regia di David Fincher
  • Minari, regia di Lee Isaac Chung
  • Il processo ai Chicago 7 (The Trial of the Chicago 7), regia di Aaron Sorkin
  • Sound of Metal, regia di Darius Marder

Miglior regista

  • Chloé Zhao – Nomadland
  • Lee Isaac Chung – Minari
  • Emerald Fennell – Una donna promettente (Promising Young Woman)
  • David Fincher – Mank
  • Thomas Vinterberg – Un altro giro (Druk)

Miglior attore protagonista

  • Anthony Hopkins – The Father – Nulla è come sembra (The Father)
  • Riz Ahmed – Sound of Metal
  • Chadwick Boseman – Ma Rainey’s Black Bottom
  • Gary Oldman – Mank
  • Steven Yeun – Minari

Miglior attrice protagonista

  • Frances McDormand – Nomadland
  • Viola Davis – Ma Rainey’s Black Bottom
  • Andra Day – The United States vs. Billie Holiday
  • Vanessa Kirby – Pieces of a Woman
  • Carey Mulligan – Una donna promettente (Promising Young Woman)

Miglior attore non protagonista

  • Daniel Kaluuya – Judas and the Black Messia
  • Sacha Baron Cohen – Il processo ai Chicago 7 (The Trial of the Chicago 7)
  • Leslie Odom Jr. – Quella notte a Miami… (One Night in Miami…)
  • Paul Raci – Sound of Metal
  • Lakeith Stanfield – Judas and the Black Messiah

Miglior attrice non protagonista

  • Yoon Yeo-jeong – Minari
  • Maria Bakalova – Borat – Seguito di film cinema (Borat Subsequent Moviefilm: Delivery of Prodigious Bribe to American Regime for Make Benefit Once Glorious Nation of Kazakhstan)
  • Glenn Close – Elegia americana (Hillbilly Elegy)
  • Olivia Colman – The Father – Nulla è come sembra (The Father)
  • Amanda Seyfried – Mank

Migliore sceneggiatura originale

  • Emerald Fennell – Una donna promettente (Promising Young Woman)
  • Will Berson e Shaka King, soggetto di Will Berson, Shaka King, Kenny Lucas e Keith Lucas – Judas and the Black Messiah
  • Lee Isaac Chung – Minari
  • Darius Marder e Abraham Marder, soggetto di Darius Marder e Derek Cianfrance – Sound of Metal
  • Aaron Sorkin – Il processo ai Chicago 7 (The Trial of the Chicago 7)

Migliore sceneggiatura non originale

  • Christopher Hampton e Florian Zeller – The Father – Nulla è come sembra (The Father)
  • Ramin Bahrani – La tigre bianca (The White Tiger)
  • Sacha Baron Cohen, Anthony Hines, Dan Swimer, Peter Baynham, Erica Rivinoja, Dan Mazer, Jena Friedman e Lee Kern, soggetto di Sacha Baron Cohen, Anthony Hines, Dan Swimer e Nina Pedrad – Borat – Seguito di film cinema (Borat Subsequent Moviefilm: Delivery of Prodigious Bribe to American Regime for Make Benefit Once Glorious Nation of Kazakhstan)
  • Kemp Powers – Quella notte a Miami… (One Night in Miami…)
  • Chloé Zhao – Nomadland

Miglior film internazionale

  • Un altro giro (Druk), regia di Thomas Vinterberg (Danimarca)
  • Collective (Colectiv), regia di Alexander Nanau (Romania)
  • The Man Who Sold His Skin, regia di Kaouther Ben Hania (Tunisia)
  • Quo vadis, Aida?, regia di Jasmila Žbanić (Bosnia ed Erzegovina)
  • Shàonián de nǐ, regia di Derek Tsang (Hong Kong)

Miglior film d’animazione

  • Soul, regia di Pete Docter
  • Onward – Oltre la magia (Onward), regia di Dan Scanlon
  • Over the Moon – Il fantastico mondo di Lunaria (Over the Moon), regia di Glen Keane
  • Shaun, vita da pecora: Farmageddon – Il film (A Shaun the Sheep Movie: Farmageddon), regia di Will Becher e Richard Phelan
  • Wolfwalkers – Il popolo dei lupi (Wolfwalkers), regia di Tomm Moore e Ross Stewart

Migliore fotografia

  • Erik Messerschmidt – Mank
  • Sean Bobbitt – Judas and the Black Messiah
  • Phedon Papamichael – Il processo ai Chicago 7 (The Trial of the Chicago 7)
  • Joshua James Richards – Nomadland
  • Dariusz Wolski – Notizie dal mondo (News of the World)

Miglior montaggio

  • Mikkel E. G. Nielsen – Sound of Metal
  • Alan Baumgarten – Il processo ai Chicago 7 (The Trial of the Chicago 7)
  • Giōrgos Lamprinos – The Father – Nulla è come sembra (The Father)
  • Frédéric Thoraval – Una donna promettente (Promising Young Woman)
  • Chloé Zhao – Nomadland

Migliore scenografia

  • Donald Graham Burt e Jan Pascale – Mank
  • David Crank ed Elizabeth Keenan – Notizie dal mondo (News of the World)
  • Nathan Crowley e Kathy Lucas – Tenet
  • Peter Francis e Cathy Featherstone – The Father – Nulla è come sembra (The Father)
  • Mark Ricker, Karen O’Hara e Diana Stoughton – Ma Rainey’s Black Bottom

Migliori costumi

  • Ann Roth – Ma Rainey’s Black Bottom
  • Alexandra Byrne – Emma.
  • Massimo Cantini Parrini – Pinocchio
  • Bina Daigeler – Mulan
  • Trish Summerville – Mank

Miglior trucco e acconciatura

  • Sergio Lopez-Rivera, Mia Neal e Jamika Wilson – Ma Rainey’s Black Bottom
  • Mark Coulier, Dalia Colli e Francesco Pegoretti – Pinocchio
  • Eryn Krueger Mekash, Matthew Mungle e Patricia Dehaney – Elegia americana (Hillbilly Elegy)
  • Marese Langan, Laura Allen e Claudia Stolze – Emma.
  • Gigi Williams, Kimberley Spiteri e Colleen LaBaff – Mank

Migliori effetti speciali

  • Andrew Jackson, David Lee, Andrew Lockley e Scott Fisher – Tenet
  • Nick Davis, Greg Fisher, Ben Jones e Santiago Colomo Martinez – L’unico e insuperabile Ivan (The One and Only Ivan)
  • Sean Faden, Anders Langlands, Seth Maury e Steve Ingram – Mulan
  • Matthew Kasmir, Christopher Lawrence, Max Solomon e David Watkins – The Midnight Sky
  • Matt Sloan, Genevieve Camilleri, Matt Everitt e Brian Cox – Love and Monsters

Migliore colonna sonora

  • Trent Reznor, Atticus Ross e Jon Batiste – Soul
  • Terence Blanchard – Da 5 Bloods – Come fratelli (Da 5 Bloods)
  • Emile Mosseri – Minari
  • James Newton Howard – Notizie dal mondo (News of the World)
  • Trent Reznor e Atticus Ross – Mank

Migliore canzone originale

  • Fight For You (musiche di H.E.R. e Dernst Emile II, testo di H.E.R. e Tiara Thomas) – Judas and the Black Messiah
  • Hear My Voice (musiche di Daniel Pemberton, testo di Daniel Pemberton e Celeste Waite) – Il processo ai Chicago 7 (The Trial of the Chicago 7)
  • Husavik (musiche e testo di Savan Kotecha, Fat Max Gsus e Rickard Göransson) – Eurovision Song Contest – La storia dei Fire Saga (Eurovision Song Contest: The Story of Fire Saga)
  • Io sì (Seen) (musiche di Diane Warren, testo di Diane Warren, Laura Pausini e Niccolò Agliardi) – La vita davanti a sé
  • Speak Now (musiche e testo di Leslie Odom Jr. e Sam Ashworth) – Quella notte a Miami… (One Night in Miami…)

Miglior sonoro

  • Nicolas Becker, Jaime Baksht, Michelle Couttolenc, Carlos Cortés e Phillip Bladh – Sound of Metal
  • Ren Klyce, Coya Elliott e David Parker – Soul
  • Ren Klyce, Jeremy Molod, David Parker, Nathan Nance e Drew Kunin – Mank
  • Warren Shaw, Michael Minkler, Beau Borders e David Wyman – Greyhound – Il nemico invisibile (Greyhound)
  • Oliver Tarney, Mike Prestwood Smith, William Miller e John Pritchett – Notizie dal mondo (News of the World)

Miglior documentario

  • Il mio amico in fondo al mare (My Octopus Teacher), regia di Pippa Ehrlich e James Reed
  • El agente topo, regia di Maite Alberdi
  • Collective (Colectiv), regia di Alexander Nanau
  • Crip Camp: disabilità rivoluzionarie (Crip Camp), regia di Nicole Newnham e Jim LeBrecht
  • Time, regia di Garrett Bradley

Miglior cortometraggio

  • Due estranei (Two Distant Strangers), regia di Travon Free e Martin Desmond Roe
  • Feeling Through, regia di Doug Roland
  • The Letter Room, regia di Elvira Lind
  • The Present, regia di Farah Nabulsi
  • White Eye, regia di Tomer Shushan

Miglior cortometraggio documentario

  • Colette, regia di Anthony Giacchino
  • A Concerto Is a Conversation, regia di Kris Bowers e Ben Proudfoot
  • Do Not Split, regia di Anders Hammer
  • Hunger Ward, regia di Skye Fitzgerald
  • A Love Song for Latasha, regia di Sophia Nahli Allison

Miglior cortometraggio d’animazione

  • Se succede qualcosa, vi voglio bene (If Anything Happens I Love You), regia di Michael Govier e Will McCormack
  • Genius loci, regia di Adrien Mérigeau
  • Já-Fólkið, regia di Gísli Darri Halldórsson
  • Opera, regia di Erick Oh
  • La tana (Burrow), regia di Madeline Sharafian